Un salto nel cuore di Lisbona [PORTOGALLO]

3

Questo viaggio lo posso descrivere con due parole: Coincidenze & vibrazioni positive. Se la prima impressione di una città è ciò che conta allora sono nella città giusta: Lisbona. Già dai primi istanti è come se la città mi accogliesse e mi invitasse in maniera timida a esplorarla. L’arrivo nella città portoghese avviene verso la prima serata, circa le sette e qualcosa.

Lisbona 17 - Portogallo - ViaggiareIl senso di libertà che pulsa nelle vene all’arrivo di ogni nuova meta è qualcosa di indescrivibile. Scollegarsi almeno per un po’ di giorni dalle proprie abitudini è qualcosa che ci rigenera e ci fa apprezzare piccoli gesti che ci siamo dimenticati, un modo per riscoprirsi sotto un’altra luce e migliorarsi. Con occhi curiosi e qualche dubbio mi sposto nella metro verso la ricerca dell’ostello. Il tempo di vedere l’immagine delle linee colorate che collegano la metropoli e mi dirigo verso la mia linea con le cuffie mentre mi continuo a guardare attorno come un bambino uscito per la prima volta di casa. Nonostante non fosse la prima volta che viaggio è questo l’effetto che ogni nuova città ha su di me. Vedo i binari dalle scalinate, infondo una ragazza che tiene aperta la porta della metro attendendo l’arrivo del suo ragazzo di corsa, mi metto anche io a correre mentre lei mi fa cenno di sbrigarmi. Mi metto a sedere con ancora il sorriso come segno di ringraziamento.

Sulle spalle il mio inseparabile zaino e con il telefono scarico faccio un giro veloce nei viali del centro, a chiedere a qualche sconosciuto indicazioni su come arrivare a destinazione. Mi trovo lontano ad un paio di isolati con una piccola mappa in mano mentre fisso il vuoto, cercando farmi un’idea di dove mi trovi, senza farmi troppe preoccupazioni. Senza chiedere nulla, una coppia giovane, sui 26 anni lui e 23 lei si ferma davanti a me chiedendo:

<< You need a help??>>

<<Yes, of course!!!>>

Con un sorriso che potrebbe coprire tranquillamente mezzo viso. Ovviamente immaginate l’accento del mio “Bad English” che aggiunge un pizzico di comicità a questa serata.

Essendo esperti della zona e visto che il tratto di strada è simile decidono di farmi compagnia, parlando del più e del meno e di cosa ci facessi lì. Mi chiedono se sono in Erasmus o lì per qualche motivo in particolare. Ovviamente sono lì per pura coincidenza e per darmi la possibilità di visitare nuove città. Un saluto veloce e ringraziamenti e mi trovo alle dieci a cenare, dopo aver trovato la mia sistemazione. Prima di andare a letto per la stanchezza, decido di dare un’occhiata veloce nelle vie del centro. La città è una grande Genova che mi illumina e mi rievoca sensazioni che ho avuto in precedenza. Le luci notturne della città mi accompagnano e come sottofondi danno un’atmosfera di libertà: ragazzi che danzano creando un’atmosfera, da film & panorami splendidi.

Grazie al meritato riposo, il giorno seguente mi incammino finalmente a visitare realmente la città con lo zaino in spalla. E’ l’unica volta in cui ho avuto bisogno di una vera mappa; a differenza delle altre città, me la sono sempre cavata con quelle turistiche che mettono a disposizione in giro per la città, per cui mappa e si parte verso la prima tappa: Parco Edoardo VII, dopo aver attraversato a piedi L’Avenida Liberada, il più importante viale della città; è davvero piacevole passeggiare in questa zona in quanto è molto curata e molto verde. I negozi più prestigiosi si trovano nei lati di questo viale. Il Parco Edoardo VII offre una vista davvero panoramica, si trova in alto rispetto alla città, da qui si può vedere tutta la città, il cui mare si mescola con il suo cielo.

Lisbona 08 - Portogallo - Viaggiare

Se amate la tranquillità e circondarvi di verde è una tappa obbligatoria nella magnifica Lisbona. Un’altra zona simile, ma fuori centro, è sicuramente il “Parque de Bela Vista”, Facilmente raggiungibile con i mezzi, Metro oppure il Bus. E’ molto attrezzato anche per le persone che decidono di fare Pic-Nic e amano l’aria aperta. Essendo anche questo in una zona più alta rispetto al resto della città il Panorama è davvero mozzafiato.

Ora che ci penso, ho notato che la città è davvero circondata da spazi verdi; questo dà l’impressione di essere immersi in un’oasi in mezzo alla città.

Lisbona di notte - Viaggiare - LisbonaE’ bastato poco per potermi orientare in questa città. La sera stessa dopo cena decido, non avendo piani, di unirmi ad un gruppo di ragazzi per uscire a scoprire la città di notte, direzione Bairro Alto. Un caratteristico quartiere che di notte offre davvero un’atmosfera giovanile e persone che hanno il piacere di trovarsi in compagnia. Aggiungendo al momento discorsi carichi di emozioni, voglia di vivere e musica come sottofondo dà al momento una sorta di numero da aggiungere nel cristallo dei momenti da ricordare. Ore 3:00 e siamo ancora in giro alla ricerca di altri locali dove finire la serata.

La notte prende vita e può essere la compagnia perfetta per la serata. E’ un richiamo forte come un vecchio amico che ci conosce. E’ il momento per tutto, persino vivere. Storia assurde di persone che non conosciamo che ci ispirano a spiccare il volo e fare ciò che ci spaventa, solo così saremo liberi di toglierci le maschere finalmente. Crediamo tanto alla libertà che non sappiamo descriverla quando arriva. Per un istante ci dimentichiamo chi siamo e ci perdiamo in personaggi che vivono di libri delle nostre menti. Se vivere ci terrà vivi è giunto il momento di vivere allora. Vivere è adesso, dimenticare tutto: nuovi inizi e nuovi arrivi.

Attratti dalla movida della zona tra Cais Do Sodre e Bairro Alto, decidiamo di fermarci in un locale, guidati da un personaggio di cui non ricordo bene il nome ma che ho deciso di battezzare Jack, come l’autore di “On the Road”. E’ di origine tedesca, con una voglia sfrenata di vivere il momento. Soffermandosi sulle sue mani si potrebbe notare un leggero tremolio, il quale ancora non so a cosa realmente fosse dovuto.

Aveva deciso di tornare a casa da lì a pochi giorni tramite l’autostop: Lisbona – Germania. Aveva questa idea da qualche mese e aveva deciso di realizzarla nonostante non sappia nulla di autostop. Ovviamente aveva la mia stima, perché mi sarebbe piaciuto farla un giorno.

Il locale è pieno e la musica è l’ideale per questa notte. Alle sei e mezza fuori, seduti su una struttura di legno di qualche negozio chiuso. L’odore dell’alba si avvicina mentre mi dimentico del resto. Alcune volte le notti sono le compagne anche di storie assurde. Dopo aver salutato tutti decido che è giunto il momento di andare dormire.

Ore 10 ero già in piedi e dopo la colazione leggera decido che sono pronto ad uscire. E’ davvero assurdo come durante i viaggi il corpo si ricarica più velocemente e non ci sia bisogno neppure di una sveglia per metterci in piedi. Ho ancora quattro giorni e la città mi offre tanti posti da vedere, per cui non c’è da annoiarsi assolutamente. In seguito alcuni posti che vale la pena visitare assolutamente:

Statua gesu Lisbona - Portogallo

  • Statua di Cristo Rey: è la riproduzione più piccola di quella che si trova a Rio de Janeiro, è alta 28 metri. Si trova dall’altra parte della città e si raggiunge prendendo un piccolo traghetto da Cais de Sondrè, direzione Cacilhas. Corso andata e ritorno 2,40 euro. Il panorama da qui in alto è davvero spettacolare. Il ponte 25 de abril ricorda quello di San Francisco, poiché commissionato alla stessa compagnia: Golden Gate Bridge.
  • Lisbona 22 - Portogallo - ViaggiareBelém: E’ una zona di Lisbona dove si trova La torre di Belém, un simbolo di Lisbona. E’ stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Le rive del Tago le fa da cornice. Se siete nella zona e avete tempo a disposizione consiglio di passare a gustarsi una Pastel De nata (Un dolce tipico portoghese diffuso anche in altri paesi) da Pastéis de Belém: un’antica pasticceria molto famosa. Se siete a Lisbona è una tappa obbligatoria per gustarvi questa specialità dal gusto divino.
  • Baixa: E’ praticamente il cuore della città di Lisbona. Fu ricostruita in parte dopo un terremoto nel 1755. E’ davvero piacevole passeggiare nelle vie di questa zona, che parte dalle rive del Tago fino alla strada principale di Lisbona: Avenida da Liberada. Il clima delle strade affollate e persone da ogni luogo rappresenta perfettamente l’anima di questo luogo e questa città.

Lisbona 11 - Portogallo - ViaggiareIl clima che si respira, il rumore della città, gente da ogni parte del mondo, è il quadro di una delle città più visitate d’Europa. Voglio così tanto immedesimarmi che affondo in questo clima salendo su un tram tipico della città, per ammirare la città da un altro punto di vista. Direi che è una cosa obbligatoria da fare per chiunque arrivi in città per il semplice fatto che è piacevole.

  • Fiera de ladra - Lisbona - PortogalloFiera della Ladra: E’ l’ideale per un sabato mattina tranquillo. Una passeggiata in questo mercato tipico per scoprire qualche oggetto che ci interessa e dargli una vita nuova. Le urla dei venditori e il chiaccherio dei turisti si mescola per dare un’atmosfera più vintage all’ambiente. Si trova vicino al monastero di Sao Vincente a due passi dal Panteao.
  • Museo Nazione della storia Naturale & orto Botanico: situati tra la fermata Avenida e Rato della metro, è un ottimo posto da visitare. E’ un museo interattivo, una delle attrazioni più visitate del luogo. Da visitare inoltre è sicuramente il laboratorio scientifico. Basta un’oretta e se il tempo ve lo permette potete fare un salto nell’orto botanico.

Lisbona è davvero una città che rappresenta il mix perfetto tra relax e movimento. La città è piena di luoghi da vedere e ogni posto rappresenta l’occasione perfetta per fermarsi a godersi la città senza pensare al tempo che scorre. Ogni scalinata e chioschetto è un momento per godersi la musica dal vivo nelle piazze e vicino al Tago. Non amo stampare una lista delle cose da vedere come un perfettissimo turista. Preferisco prendere una mappa e girare per vedere posti che mi consigliano persone che conosco sul posto e viaggiatori con cui mi fermo volentieri per una chiacchierata.

Dopo l’ultimo giorno passato a fare colazione in centro e a visitare la zona che circonda la stazione oriente decido di prendere il treno direzione Madrid. Qui l’articolo: Un salto a Madrid.

Prendi il tuo zaino e esplora una città che hai sempre voluto vedere, lascia a casa i dubbi e parti…

Buon viaggio

Share.