Trasformare un gesto quotidiano in un rito: Caffè

0

IMG_20140425_142639

Dovremmo tutti accettare le sfide, di qualsiasi natura siano. Dovremmo non temere i rischi e renderci conto che possiamo migliorare.

Solo così avremo la possibilità di conoscerci e migliorarci. Il peggior errore che possiamo fare è rimanere bloccati in una situazione che può renderci schiavi di un’abitudine. Come un fo**uto rotante che ci inghiotte, che ci fa girare in un punto, lo stesso punto.

Abbiamo bisogno di rinnovarci, di trovare nuovi percorsi e cambiare punti di vista. Non lanciare la propria ancora solo quando abbiamo trovato un porto che sembra per così dire ‘sicuro’. La sicurezza è solo una parola utilizzata da persone insicure per potersi adeguare ad uno schema.

Ho pensato alle parole che io stesso ho scritto e ho accettato di non bere caffè per 30 giorni. Una piccola sfida, proprio così. Ero arrivato al punto di berne anche tre al giorno, quando un tempo faticavo a berne uno. La mia sfida era di gustarmi il caffè davanti ad un bel lago o davanti al mare, ovviamente superato il 30esimo giorno. Era un modo per trasformare un gesto quotidiano in un “Rito magico”.

A mia sorpresa, dopo il settimo giorno è stato come se avessi rotto un’abitudine. Mi sono promesso di berlo in un posto tranquillo, al mare o  al lago. Superati i 30 giorni mi ero completamente scordato della sfida. Non è buffo?

10177360_10203916696465749_2410323846323494158_n

Giorno 24 aprile, sono a Reggio Emilia. Ho deciso che sarei andato a bere il caffè a Lerici (La spezia), un posto in cui ero stato l’estate prima e che ha avuto su di me una bell’impatto. 7 e 20, dopo aver capito di aver perso la coincidenza, in quello stesso momento un mio carissimo amico ed io decidiamo per Ferrara, dopo aver scartato lago di Garda.

Le 8 e 40 a Ferrara, alla prima persona che passa: “Scusi dov’è la spiaggia?”.

“Spiaggia? Ma qui non ce ne sono di spiagge. Al massimo lidi, che distano almeno un’ora. Siamo a Ferrara”.

“Mmm, Sisi. Lo sappiamo.” Con una faccia sorpresa di una persona cascata dalle nuvole.

“Hamadou!! Andiamo a Venezia”

Assurdo a dirsi, ma impiegammo meno tempo per la nuova tappa che per i lidi.

Certi gesti e sapori semplici possono trasformarsi in momenti unici.

Caffè a Piazza San Marco. Vento e sole, è il momento ideale per staccarsi dal mondo.

Accettiamo le sfide….

Share.