Un salto a Torino | LIFESZU

0

Il tramonto dalla mole è un momento in cui respiri la città. Dall’alto Torino è una città che ti parla; ti sussurra parole dolci. È una signora elegante che ti incanta e suggestiona a rimanere ancora un altro giorno. La musica nelle cuffie si mescola con il vento e fa si che questo istante duri più di quanto percepisco. Me ne sono innamorato.

Ho rimandato l’appuntamento per molto tempo con questa città, di cui parlano meno di quanto meriti. Ho rimandato ma finalmente eccomi qui. Partenza da Reggio Emilia la mattina di un giorno qualunque d’inverno. Lascio nebbia e mi sorprendo di questo sole timido che si mostra a tratti, a godermi le strade e farmi affascinare dalle piazze. Ho la fortuna di conoscere già una persona del posto, per cui mi faccio guidare guardando la città con gli occhi di un turista. Uno qualsiasi.

Lasciando il tempo alle nuvole di spostarsi e al sole di tornare a splendere decidiamo insieme di visitare il museo Egizio. Si trova a pochi passi dalla piazza Carignano e dalla stazione Torino Porta Nuova. Il costo del biglietto è di 13 euro e può essere acquistato sia online che direttamente al momento della visita. L’atmosfera che si respira è davvero suggestiva e magica, consigliassimo da vedere almeno una volta. La galleria dei Re è una perla che mi ha incantato. Si trova al piano terra del museo dove è possibile ammirare antichissime statue raffiguranti Re e figure mitologiche della cultura egizia.

Il tempo medio della visita è di circa due ore che passano in maniera scorrevole senza rendersene conto. Compreso nel biglietto si ha a disposizione la video guida molto utile che ti guida per il percorso descrivendo quello che si ha attorno.

Avevo a disposizione solamente due giornate e ammetto che non ho potuto visitare tutto quello che avrei voluto come il Superga, uno dei colli più alti di Torino, sul quale è edificata la basilica. Posso solo immaginarmi la vista spettacolare da quel punto della città che consiglio assolutamente di vedere (non siate come me che mi sono fatto sfuggire questa possibilità), ma in compenso ho potuto ammirare la città da un altro punto di vista che a mio parere merita: il monte dei cappuccini. Non sarà al livello del Superga ma è affascinante comunque.

Sono uno che ama camminare molto. Il primo giorno in qualsiasi città preferisco girarmela con calma assaporando la sensazione che si ha guardandosi continuamente attorno per imprimersi le caratteristiche della città. Devo dire che in questo Torino ha saputo sorprendermi. Infatti a molti edifici, strade e piazze sono legate aneddoti magici e leggende. Tra le piazze che mi hanno colpito maggiormente è sicuramente la piazza Vittorio Emanuele Veneto perché si trova a ridosso del fiume Po e al tramonto passeggiare attraverso il fiume è come entrare in una poesia e smarrirsi per un’istante (senza esagerazione).

Non molti lo sanno, forse nemmeno alcuni Torinesi, ma Torino è stata la prima città italiana a proiettare un film. Per l’esattezza nel 1896 in un edificio a via Po. Inoltre a Torino sono nati i primi multisala, possiamo dire effettivamente che tra il cinema e Torino c’è un amore lungo e vintage. Per questo consiglio assolutamente di vedere il museo del cinema che si trova esattamente sotto la mole. Il costo è di 10 euro, se si acquista insieme l’ascensore per la mole si può risparmiare qualcosina.

All’interno si viene proiettati nel passato con un percorso interattivo composti di immagini, video e suoni. Il tempo totale medio è di un’ora. E’ possibile vedere la prima parte in cui è raccontata la storia del cinema attraverso apparecchiature e cinematografiche per poi fermarsi nella seconda parte: la grande sala (L’aula del tempo). Sarebbe l’ideale vederlo in tardo pomeriggio per poi prendere l’ascensore e salire alla mole, che a mio avviso è il miglior punto panoramico per vedere la città. Ci sono tre motivi per farlo al tramonto:

– Si possono scattare foto suggestive e panoramiche alla città

– Godersi il tramonto dal punto più alto all’interno della città

– Godersi un momento tutto vostro, ascoltando della buona musica

Quando si viaggia si dice spesso che bisogna assaporare il cibo del posto per assorbirne la cultura e tradizione. Per me che ho imparato a collezionare momenti, durante il giorno preferisco qualcosa di leggero in giro per la città, come godersi una pizza ligure a piazza Castello. Seduto su una panchina a prendermi il sole e vedere le persone che passeggiano. Direi che anche questo è un buon modo per vedere le piazze e risparmiare tempo. Poi durante la sera la città offre un sacco di alternative in giro per le strade, basta saper pazientare cercando un posto che vi ispiri.

Infine, se volete prenotare in una zona a due passi dalla stazione Porta Susa e comoda al centro consiglio Hotel Orchidea. Economico e personale molto accogliente. In più è compresa la colazione. Qui puoi trovare le offerte su Torino >> Booking Torino 

Ps. Se non siete mai stati a Torino, ASSOLUTAMENTE DA VEDERE!

Tutte le foto sulla mia Pagina Facebook >> LIFESZU

Share.