Un salto a Milano… di Fretta

0

È lunedì mattina e sono a Milano. Sono arrivato qui ieri mattina principalmente per un evento svoltosi a Parco Sempione la sera stessa (GQ Music). Mi sono svegliato da poco e sono le nove, ho deciso di sfruttare il tempo che ho a disposizione per visitare alcuni posti questa giornata. Ho scaricato le principali attrazioni da vedere che alla fine non ho guardato. La prima tappa è Piazza Duomo, per arrivarci dal mio ostello ho deciso di farla a piedi scegliendo una strada alternativa che mi ha portato a scoprire la Darsena di Milano.

milano-in-un-giornoDarsena di Milano: E’ uno dei simboli di Milano, riqualificata nel 2015 per l’Expo. E’ una zona molto tranquilla di Milano in cui si può passeggiare lungo il fiume e fare qualche spuntino nei fast food o bar presenti nella zona. Per arrivarci con i mezzi è molto semplice . Personalmente preferisco camminare per ricordarmi facilmente le strade e godermi la città osservando le persone che hanno fretta per chissà cosa. D’altronde è lunedì, questo vuol dire premere il tasto [Repeat] della quotidianità, quello che io non voglio. Per cui l’ho tolto e gettato da qualche parte, forse proprio qui al Darsena. Dal duomo è raggiungibile in 15 minuti circa, si può prendere come riferimento porta Ticino. È l’ideale per chi vuole trascorrere un pò di relax in compagnia o solo in mezzo alla città.

007

Il tempo scorre senza che me ne renda conto. Deciso di camminare verso il duomo mentre ascolto la musica. Ricevo un messaggio un messaggio da una persona di Milano con le cose che dovrei vedere assolutamente. Controllo e sono vicino alla prima, i Navigli: è una piccola Venezia. Raggiungibile comodamente a piedi sia da porta Ticino che da Darsena. Più giro Milano più sono convinto che il miglior modo per visitarla è con i mezzi pubblici, con la macchina credo sia molto stressante sia per via del traffico che dei parcheggi, sempre a pagamento e pieni.

I navigli di Milano sono un “quartiere” molto caratteristico. Negli ultimi anni stanno riscontrando molto successo e attenzione per via della riqualificazione della città. Possiamo vedere alternarsi negozi, ristoranti e pub dove la sera è un vero punto di incontro tra i giovani. Per chi ama aperitivi e divertimento in questa zona può trovare una varietà di locali giusti per l’occasione.

Se siete in zona fate un salto nel vicolo dei lavandai, molto particolare…

whatsapp-image-2016-09-26-at-17-46-06La piazza duomo di Milano, come non passare di qua. É il luogo più visitato per chi si trova da queste parti, del resto è il punto d’incontro per i cittadini di questa città: il centro vitale. All’interno della piazza possiamo visitare la terza chiesa più grande al mondo: Duomo di Milano. Neanche questa volta sono riuscito ad entrare per via del poco tempo a disposizione e della fila per entrare. Per me solo un giro veloce per la piazza mentre mi dirigo a riempire lo stomaco. Anche questa volta decido di fidarmi e optare per i panzarotti di Luini che mi sono stati consigliati nel messaggio di stamattina.

Il forno di Luini è a due minuti dalla piazza Duomo e offre una selezione ampia di prodotti. Io vado sul classico, un panzarotto fritto. La fila fuori dal locale è lunga ma non mi faccio scoraggiare, da quello che si dice è il migliore di Milano. Non ne ho assaggiati altri ma devo dire che è delizioso. Pranzo sulle scalinate davanti al Duomo. Il lunedì è veramente un giorno rilassante se lo si passa come si vuole. Una pausa perfetta per riprendere a scoprire la città.

Il miglior modo per girare Milano credo sia a piedi e in bici. Se organizzati bene si possono raggiungere la maggior parte delle attrazioni in maniera veloce e vedere allo stesso tempo le strade milanesi e godersi l’ambiente. Decido di andare al parco Sempione che non avevo visto bene il giorno precedente. Passo per la galleria Vittorio Emanuele II e Piazza San Fedele. È a circa 1 chilometro e mezzo dalla piazza del Duomo. Una quindicina di minuti a piedi e mi accoglie il castello Sforzesco, insieme al Duomo è il secondo simbolo di Milano.

014Castello Sforzesco: per chi vuole arrivarci a con la metro può prendere la MM1 e scendere a Cadorna oppure Cairoli. Invece con la MM2 le fermate sono Cadorna e Lanza. Entrando dentro si ha l’impressione che il tempo si sia fermato per tornare a rivivere nel periodo degli antichi signori Milanesi. Incalza perfettamente la potenza di Milano e allo stesso tempo la romanticità del luogo. All’interno si può visitare il museo acquistando il biglietto: 5 euro, gratuito invece nei martedì dopo le 14:00.  Da una parte possiamo vedere l’ingresso che da in via dante (piazza castello), che è preceduto da una fontana, dall’altra l’ingresso al parco sempione.

Il parco Sempione è uno dei parchi più grandi che ho visitato dopo quello di Amsterdam. È un polmone in mezzo alla città che ti permette di rilassarti e disconnetterti per un attimo dalla città caotica che è Milano. Negli ultimi anni Milano ha iniziato a gestire meglio il parco e lo si nota perfettamente una volta che ci si mette piede. È l’ideale per fare sport, andare in bici o semplicemente riunirsi per un bel picnic in compagnia. Per chi ama leggere, come me, è il luogo perfetto per dedicarsi a quest’attività sotto l’ombra, straiati e dimenticando per un attimo di essere nella realtà e immedesimarsi nella storia che si sta leggendo.

Camminando fino alla fine del parco si può vedere l’arco della pace che si intravede anche dal castello Sforzesco. È attrazione da non perdere, il tutto in maniera gratuita.

A questo punto sono saranno già le quattro di pomeriggio e io non ho più il tempo se non andare a prendere la metro per la stazione e salire sul mio treno che parte tra un’oretta. Se invece voi avete altro tempo a Milano vi consiglio vivamente di dare un’occhiata a questi altri posti per concludere la giornata.

Brera. Il quartiere è molto vicino al parco Sempione. Qui si possono trovare attrazioni da vedere come l’orto botanico e la pinacoteca. Basta fare un salto su tripadvisor per capire che il museo offre una collezione d’arte eccezionale. Leggendo alcuni commenti mi rendo conto che mi sono perso una tappa obbligatoria nel cuore di Milano, ovviamente l’ho segnata come da non perdere per la prossima volta che sarò in città e, invito voi a fare lo stesso se state pianificando di farci un salto. Già che siete in zona sarebbe l’ideale fare una passeggiate nell’orto botanico, tenuto in splendida forma grazie ai volontari.

Appena in tempo per fare il biglietto e prendere un caffè al volo. È stato un lunedì davvero rilassante e molto tranquillo. Credo che dovremmo un po tutti godersi la città oltre al week end anche in mezzo alla settimana perchè a volte corriamo e diventiamo “quotidiani” facendoci risucchiare dal ritmo veloce della città. Il treno parte e io sto pensando già alla volta successiva che sarò di nuovo a Milano.

Share.