Il mio volo in mongolfiera a Cappadocia

0

L’unico motivo che mi ha fatto volare in Turchia è stato la Mongolfiera. Avevo in mente di realizzare questo mio sogno da almeno due anni. Non sapevo né dove né come avrei realizzare questo desiderio, sapevo solo che l’avrei fatto al 100%. Ogni cosa che mi prometto la realizzo in qualche modo, l’ho sempre fatto. I miei amici lo sanno. Quando pianifichi e sogni una cosa con tutto te stesso l’universo agisci affinché tu possa realizzare tutto ciò. L’universo è sempre al nostro fianco.

Sono venuto a conoscenza della regione Cappadocia per puro caso e da lì l’immagine di io che volo tra le valli di quel luogo non hanno abbandonato la mia mente nemmeno per un giorno. È lì dove voglio provare questo brivido, questo sogno lucido. Ho aperto la mia piccola agenda e ci ho scritto mongolfiera, senza nessuna data e costo. Ho iniziato le mie ricerche e ho capito che Cappadocia non era una città ma bensì una regione composta da tanti piccoli paesini. Ho trovato anche che ci sono molti siti che offrono la prenotazione online con la data in cui vorresti volare. Ogni sito offre un prezzo diverso per cui ho deciso di approfondire la mia ricerca perché capire dove e come prenotare. Se si può risparmiare qualcosa perché no.

Voglio scrivere questo racconto con più dettagli possibili perché quando ho cercato informazioni non ho trovato quello che cercavo, quindi voglio condividere con voi quello che ho imparato e magari potrebbe rendervi le cose più semplici.

Göreme è il paesino ideale per soggiornare in Cappadocia, da lì è possibile visitare tutti i paesini vicini con il bus, noleggiando uno scooter oppure facendo attività fisica come il trekking. Ho avuto la possibilità di fare trekking per esplorare le valli del posto e devo dire che ne vale la pena. Si possono pianificare diversi percorsi da fare. Alcuni molto semplici altri un pochino impegnativi. (Presto anche un articolo sulle migliori cose da fare in Cappadocia.)

Per raggiungere Göreme bisogna volare a Kayseri e da lì ci sono diverse opzioni per raggiungere la città. La miglior e la più economico è sicuramente il Bus. Dall’aeroporto alla stazione poi arrivare con un autobus ad Avanos e da lì un minubus per la città. Il costo totale è di cerca 30 Lire, 6 euro. I voli che collegano le città in Turchia sono economici. Ho volato da Istanbul a Kayseri spendendo circa 30 euro a tratta prenotando l’ultima settimana. Se si prenota prima si può spendere anche 15 euro con la Turkish Airline.

Prenotando online si ha la possibilità di avere il volo in mongolfiera sicuro sapendo la data. Il mio consiglio è di prenotare tutto sul posto. Gli hotel offrono la possibilità di prenotare il volo presso la loro struttura. C’è da dire che hanno ovviamente la commissione ma da quello che ho potuto notate è che i prezzi sono un pochino più bassi rispetto a quelli trovati su internet. In più la struttura pensa a tutto. Loro pensano a comunicare la vostra posizione per farvi venire a prendere nel giorno del volo. Il mio volo l’ho prenotato presso ad un ostello ad un prezzo che non mi sarei aspettato. Ho speso meno di quello che credevo. I servizi compresi in tutti i pacchetti sono:

– Trasferimento dall’hotel al posto per il volo

– Colazione con Buffet

– Volo di un’ora all’alba

– Drink finale di festeggiamento

– Certificazione del volo

– Trasferimento al vostro Hotel

Il giorno del volo ti vengono a prendere un’ora e mezza prima dell’alba in modo da fare colazione con calma e goderti lo spettacolo mentre le mongolfiere vengono riempite con l’aria calda. Intorno si ha una sensazione di vivere una magia. È ancora buio, il rumore del fuoco riempie l’atmosfera e le mongolfiere mentre si è occupati a fare colazione. Dopo aver fatto colazione, mi sono riempito una tazza di tè caldo e mi sono lasciato incantare da quello che avevo intorno. Sono stato cinque minuti in silenzio a contemplare il tutto. È stata una sensazione davvero fuori dalla realtà. Mi sono concentrato non solamente sul volo ma su tutta l’esperienza in sé. Da lontano l’australiana, Signora Smith, mi nota e mi raggiungere per farmi compagna. Scopriamo che siamo sulla stessa mongolfiera.

La sensazione che hai di stare in alto tra la valle all’alba è indescrivibile. Il silenzio, il sole che si alza con la mongolfiera da la sensazione di essere in un sogno lucido. Ho sognato questo momento da una vita e ora che mi guardo intorno sembra che stia ancora sognando, ho quasi l’impressione che avrei riaperto gli occhi e trovarvi nella realtà. Le preoccupazioni da quassù diventano talmente piccole che si annullano lasciando spazio a pensieri puri e positivi. È il modo migliore per aprire gli occhi la mattina, non serve nessun caffè e nemmeno una sveglia, solamente aprire gli occhi e trovarsi in equilibrio tra un sogno e la realtà. Quasi da confondere la linea sottile che li separa. Sono sicuro che l’universo ci metta a dura prova per vedere se crediamo realmente a ciò che vogliamo, almeno nel mio caso mi ha messo alla prova e, l’ho superata.

Il giorno del mio arrivo e alla prima doccia pomeridiana ho fatto cadere il telefono in acqua. Non mi sono preoccupato subito del telefono perché è solamente un telefono ma c’era solamente un piccolo problema:” come mi sarei svegliato il giorno del volo?” Avevo bisogno di svegliarmi alle quattro per essere pronto quando sarebbero venuti a prendermi. La sera stessa, quando tornai all’ostello, ho chiesto alla ragazza che dormiva nella stessa camera se potesse svegliarmi la mattina presto. Lei senza esitazione mi rispose:” Certo, a che ora vorresti che ti svegliassi”. “Alle quattro grazie”. Questo è uno dei motivi perché amo gli ostelli, tutte le persone si aiutano fra loro. Senza di lei non mi sarei sicuramente svegliato e non avrei scritto questo articolo.

Consiglio a tutti di stare almeno tre giorni in Cappadocia perché non è detto che si voli tutti i giorni perché il vento a volte rende il volo non sicuro. Ho avuto la fortuna di volare il giorno seguente al mio arrivo. L’ultimo giorno invece, quando decisi di svegliarmi all’alba per assistere allo spettacolo delle mongolfiere da un punto panoramico il vento ha impedito il volo, ma è stato sempre una meraviglia svegliarsi all’alba, camminare per la città e vedere i preparativi. Le jeep che trascinano il cesto vuoto e le mongolfiere nel silenzio del momento prima dell’alba. Sembrava la preparazione di un set cinematografico. È un’esperienza che consiglio di fare, camminare per la città prima dell’alba e dirigervi al Sunset Point: il punto migliore dove assistere alle mongolfiere.

Dopo il drink di fine volo c’è la possibilità di acquistare le foto realizzate dal fotografo del team. Il costo è di 20 lire (circa 4 euro). Le foto sono realizzate mentre la mongolfiera prendere il volo, una prospettiva davvero originale. Ne ho preso una perché è difficile che io stampi le foto. Avere una foto stampata da sempre un ricordo vivo di quel momento.

Se volete chiedermi un consiglio su alcuni dettagli sono davvero felice di potervi aiutare. Potete scrivermi su instagram Lifeszu, oppure lasciare un commento. Leggo sempre tutto.

La vita è una figata, me lo ripeto e me lo scordo troppo spesso. Un tatuaggio in mente dovrei fare. Dovrei avere più coraggio di fare ciò che voglio, delle cose che desidero: girare la Turchia per un mese tra cui una decina di giorni solo in Cappadocia. Insegnare qualcosa e vivere di più esperienze indimenticabili. Amo la Turchia e amo quando amo qualcosa. Amo la musica e amo ballare in pubblico.

Amo dire stupidaggini e guardare le nuvole. Amo le forme e soprattutto le tue. Amo i momenti sospesi e quelli dove tutto sembra non avere senso perché è lì che nascono le sfide più importanti.

Amo il richiamo della preghiera, l’uva e l’ombra di questo giardino. Amo l’ordinario e lo straordinario. Amo ancora di più il loro mix. Amo scrivere, l’inventare e dare forme alle storie. Amo il mio coraggio, il seguire di ciò che sogno. Amo i miei sogni.

Mi amo, è egocentrico ma è vero. Voglio vedermi felice. Ogni momento può essere l’ultimo, goditi ogni istante.

Be Inspire | Hasta luego

Share.