Abbandonare la propria zona Comfort

2

IMG_20140520_183730Vedersi con occhi diversi è uno dei migliori modi per migliorarsi. Capire i propri difetti e le proprie paure, è quello che ci serve per essere ciò che vogliamo. Dobbiamo avere tutti il coraggio di abbandonare la propria zona comfort: Routine, Abitudini e Sicurezze. Capire che le cose sicure non ci permettono di vivere, non ci permettono di godersi ciò che ci aspettiamo. Partire senza programmi, amare senza aspettare, sorprendere chi merita davvero la nostra attenzione, rischiare il tutto per tutto per un valido motivo.

Guardiamoci intorno, o meglio, guardiamoci dentro. Quando abbiamo rischiato l’ultima volta? Quando ci siamo sentiti vivi da morire? Quando abbiamo capito che la vita è un insieme di giorni che non torneranno? Attimi bruciati all’istante.

Abbandoniamo il sabato sera, troppo ovvio e troppo banale per qualcosa che merita davvero. Il mondo è nostro, vivere è il motivo per cui respiriamo. Troviamo un motivo che ci faccia svegliare con entusiasmo e andare a letto con gli occhi lucidi.

Un giorno ci sveglieremo vecchi e senza aver capito dove abbiamo trascorso il nostro tempo. I rimpianti sono scelte che avremmo voluto fare. L’immagine di una giornata intera e ciò che ci rappresenta realmente. Sorgiamo brillanti e camminiamo verso una meta che splende. Il tramonto non è altro che un momento nostalgico della nostra esistenza.

IMG_20140520_013600Il tempo passa in fretta. Il mondo là fuori è diverso da come viene descritto, nessun limite. Possiamo e siamo in grado di fare qualsiasi cosa. Il tempo è l’unica cosa che non possiamo permetterci, il resto è una cosa da niente. Se ci penso un attimo mi accorgo che siamo rinchiusi in una vasca e non ce ne rendiamo conto. Il mondo là fuori è fantastico, è superbo.

Ci preoccupiamo di lavoro, scuola e tutta una serie di situazioni di cui non vale la pena pensare. Uscire, poter respirare il mondo è un altro modo di vivere. Bisogna godersi i piccoli piaceri e celebrare i successi. Dimenticare ciò che non ci interessa e per cui abbiamo sofferto.

Arriveremo un giorno a svegliarci e dire: ” Questo non sono io”. E se quel momento è arrivato, ti auguro di trovare la forza e il coraggio di cambiarti. Nessun altro può farlo al posto tuo. Nessuno è in grado di farlo per te.

Solo chi viaggia può dire di aver vissuto. Rapportarsi con gli altri, ballare ritmi sconosciuti, perdersi e trovare nuove strade è ciò che ci fa evolvere.

Basta guardarsi intorno per capire che c’è un meccanismo che qualcuno ha messo in atto. Stessi gesti, stessi movimenti e stessa routine che ci uccide piano piano senza che ce ne rendiamo conto.

Ci hanno insegnato ad ucciderci piano piano. Un incantesimo che non possiamo percepire, perché crediamo non esista.

Scritto tra Vienna – Budapest – Berlino 14-16 Maggio 2014

Share.
  • Gran post anche questo. Davvero.
    “Capire i propri difetti e le proprie paure, è quello che ci serve per essere ciò che vogliamo”. Bellissime riflessioni

    • Lifeszu

      Grazie mille :).. Dette da te lo apprezzo ancora di più il complimento…